Template Joomla scaricato da Joomlashow

  • Venerdì 13 Maggio 2011 16:42

Operatore alla Promozione e Accoglienza Turistica

 


L’Operatore alla Promozione e Accoglienza Turistica è una figura poliedrica che collabora con la direzione di strutture del settore per far conoscere agli operatori ed ai consumatori del prodotto tutto quello che il territorio turisticamente offre. Tale figura sarà in grado di promuovere l’offerta turistica, di fornire informazioni e suggerimenti per orientare la scelta dei consumatori e di gestire la relazione con gli ospiti di una struttura ricettiva. All’interno del settore turistico, l’operatore si occupa del ricevimento del turista con l’obiettivo di ottenere il gradimento da parte di quest’ultimo durante il soggiorno nella struttura/località turistica. Questa responsabilità rende attraente e notevolmente vario il lavoro, che lascia spazio alla creatività, all’iniziativa e all’autonomia, adeguatamente supportate da una solida preparazione tecnica.

L’operatore all’accoglienza turistica e alberghiera è in grado di adattarsi ai diversi contesti e di operare in situazioni di supporto alle diverse attività turistiche e alberghiere svolgendo attività di accoglienza, organizzative e gestionali di settore. Possiede capacità comunicative generali e integrate anche in lingua straniera e abilità nell’utilizzo delle diverse tecnologie multimediali applicate al settore. È in grado di operare con margini contenuti di autonomia espletando mansioni a carattere prevalentemente esecutive. La sua professionalità trova occupazione principalmente come addetto al ricevimento alberghiero, addetto all’informazione turistica, hostess congressuale. Il corso integrato ha un monte ore complessivo di 3.180 ore (nel triennio), le attività di formazione professionale sono pari a 636 ore (nel triennio) strutturate nel seguente modo: (I° Anno) Accoglienza e orientamento, durata 25 ore; Tecniche di comunicazione, durata 30 ore; Tecnica turistica, durata 35 ore; Geografia turistica del territorio, durata 50 ore; Informatica di base, durata 36 ore; Stage Orientativo e Formativo, durata 40 ore. (II° Anno) Orientamento e ri-orientamento, durata 35 ore; Tecniche di ricevimento, durata 40 ore; Tecniche di abilità comunicative relazionali, durata 40 ore; Informatica specialistica, durata 40 ore; L’impresa e la sua organizzazione, durata 41 ore; Stage Orientativo e Formativo, durata 20 ore. (III° Anno) Orientamento in uscita, durata 20 ore; Sicurezza e prevenzione sul lavoro, durata 24 ore; Formazione ambientale, durata 30 ore; Spendibilità della professione, durata 20 ore; Inglese specialistico, durata 40 ore; Francese specialistico, durata 40 ore; Stage Orientativo e Formativo, durata 30 ore. Saranno riconosciuti crediti formativi in base alle norme previste dall’Accordo sancito in sede di Conferenza Unificata il 28/10/2004, considerando che per la strutturazione del Corso si è tenuto conto degli standard minimi per le competenze di base previste dalla Conferenza Stato Regioni nella seduta del 15 gennaio 2004 e per gli standard formativi minimi relativi alle competenze tecnico- professionali si è fatto riferimento alla Conferenza Stato Regioni nella seduta del 5 ottobre 2006. Nello specifico alla fine di ogni anno scolastico superato con successo, all’allievo verrà riconosciuto 1 credito UFC da parte dell’Istituto Scolastico.

L’azione formativa proposta, si rivolge a 25 ragazze/ragazzi in possesso del Diploma di scuola secondaria inferiore e riguarda gli alunni iscritti ai primi tre anni della Scuola secondaria di secondo grado. Al termine del percorso triennale i giovani conseguiranno, oltre alla promozione alla classe successiva del corso di studi, anche l’attestato di qualifica professionale relativo alla figura di Operatore alla Promozione e Accoglienza Turistica. Obiettivo primario è quello di creare al termine dei primi tre anni di scuola secondaria superiore una figura professionale in grado di collaborare con la direzione di strutture del settore per far conoscere agli operatori ed ai consumatori del prodotto tutto quello che il territorio turisticamente offre. L’intervento formativo in oggetto è rivolto a soggetti che intendano acquisire una qualificazione in termini di conoscenze, competenze e abilità, per potersi inserire nel mercato del lavoro. L’attestato di qualifica professionale, che gli allievi avranno al termine del triennio, potrà essere loro molto utile nel caso in cui decidano di non concludere il quinquennio di scuola secondaria superiore. In tale contesto, non privo di difficoltà, è importante sottolineare che l’integrazione prevista nel progetto  introduce forti elementi di innovazione formativa e la possibilità di usufruire di un know how tra le due istituzioni (scuola e formazione) che operano da tempo in sinergia nell’ambito di percorsi integrati. Conseguentemente, l’integrazione non è stata interpretata come un’opzione da proporre a chi ha difficoltà a scuola, ma come una modalità didattica in una prospettiva di apprendimento, di miglioramento del successo formativo e di qualificazione del complessivo sistema formativo locale.

Le azioni programmate mirano a fornire una risposta concreta ad elementi di criticità riscontrati in fase di analisi dei fabbisogni nei territori interessati, scaturita da una valutazione effettuata sulle possibilità che possono scaturire dall’acquisizione di una qualifica professionale e un aggiornamento in questo campo.

Le metodologie previste privilegiano la didattica attiva e l’apprendimento dall’esperienza, centrata sulle competenze e sul profilo educativo, culturale e professionale del destinatario. Il carattere interattivo delle metodologie attive e sul “learning by doing” si sono rilevate funzionali al processo di apprendimento per le fasce adolescenziali dove il percorso di crescita necessita di supporto che rafforzi l’autostima e sviluppi le capacità di autovalutazione, di conoscenze e competenze. Inoltre la formazione in atto porta in primo piano nuovi approcci metodologici all’educazione, che vengono oggi identificati in una concezione di formazione più flessibile e aperta tendenzialmente caratterizzata da: centralità dell’utente, pluralità metodologica, intercambiabilità e costruzione dell’apprendimento.